giovedì 8 ottobre 2015

Nestlè: good food, good life


Fin dalla sua fondazione, nel 1866, la storia di Nestlé – oggi leader mondiale in Nutrizione Salute e Benessere - è legata all’invenzione di un prodotto e alla soddisfazione di un bisogno.

Grazie a continui investimenti in ricerca scientifica e attenzione alle necessità delle persone, Nestlé ha saputo negli anni acquisire una sempre maggiore capacità di rispondere ai bisogni alimentari dell’uomo, dalla nascita all’età adulta e in ogni momento della giornata, con prodotti innovativi che uniscono la gradevolezza del gusto al valore nutrizionale.

Il Gruppo Nestlé porta il nome di un uomo: Henri Nestlé, un farmacista che, nel 1866, nella cittadina svizzera di Vevey, inventa un alimento specifico per i bambini che non potevano essere allattati al seno: la Farina Lattea.

Il valore di questo nuovo prodotto viene presto riconosciuto e Nestlé capisce subito di poter aiutare molte madri e i loro bambini esportando l’innovativo prodotto all’estero. Per tale ragione, costruisce una rete di agenti e importatori che, tra il 1870 e il 1880, rende disponibile la Farina Lattea in Europa, Australia, Sud America, ma anche Egitto, Russia, Messico e Indonesia.

La società a responsabilità semplice che creò, beneficiò dell’instancabile lavoro del suo fondatore e poi, quando divenne società anonima nel 1875, di quello dei suoi successori. In seguito si sviluppò sia con mezzi propri, sia grazie ad acquisizioni. È così che, nel giro di 145 anni, questa piccola fabbrica si diversificò a tal punto da divenire quella che è oggi: la più grande azienda al mondo di prodotti alimentari e bevande.

Nel 1905 la Nestlé si fonde con l’anglo-svizzera Condensed Milk Co. per lo sviluppo di prodotti a base di latte condensato, in modo da assicurarne la disponibilità anche alla crescente popolazione urbana. Il 1929 è l’anno della seconda grande fusione: Nestlé si unisce alla società di Daniel Peter, inventore nel 1882 del cioccolato al latte, e di Alexandre Cailler e Charles Amédée Kohler. Mentre negli anni a seguire Nestlé inventa Nescafé, il primo caffè solubile istantaneo, come risposta alla domanda dei produttori di caffè brasiliano, preoccupati per la sovrapproduzione e le difficoltà tecniche di conservazione del prodotto.

Il Gruppo continua la sua crescita grazie ad altre importanti acquisizioni, ad iniziare nel 1947 con Maggi, storica azienda che produce alimenti, oggi brand forte capace di sviluppare alimenti arricchiti di nutrienti necessari a soddisfare le esigenze alimentari di specifiche aree geografiche, pur restando economicamente accessibili ad un esteso numero di persone.

Nestlé decide poi di diversificare la propria attività per la prima volta al di fuori del settore alimentare quando nel 1974 diventa il principale azionista di L’Oréal.
Negli anni seguenti continua la sua sorprendente crescita con l’acquisizione, a metà degli anni Ottanta, del gigante Americano Carnation, specializzato in prodotti a base di latte, e, a partire da metà degli anni Novanta, di altre importanti società come Sanpellegrino (1997) e come Spillers Petfoods (1998) e Ralston Purina (2002), dalla cui unione è nata Nestlé Purina PetCare.

A conferma del continuo impegno verso la Nutrizione, la Salute e il Benessere, nel 2006 Nestlé acquista il gruppo americano Jenny Craig che gestisce centri per la perdita di peso e opera nel settore degli alimenti dietetici, mentre nel 2007 conclude l’acquisizione della Gerber Baby Food Company, marchio simbolo degli alimenti per l’infanzia degli Stati Uniti, a seguito della quale Nestlé è diventata leader del settore a livello mondiale e numero uno nel mercato statunitense. Sempre nel 2007 a seguito dell’acquisizione di Novartis Medical Nutrition e della sua fusione con Nestlé Clinical Nutrition, è nata Nestlé Healthcare Nutrition, specialista nella nutrizione clinica.

Infine, nel 2010, Nestlé ha annunciato l'acquisizione della britannica Vitaflo, che produce alimenti studiati per quanti soffrono di disturbi alimentari, e l’istituzione di Nestlé Health Science S.A. e del Nestlé Institute of Health Sciences, due organizzazioni autonome create con lo scopo di dare avvio ad una ricerca pionieristica nel nuovo mercato che si colloca fra l’alimentare e il farmaceutico.


Fin dai primi decenni di vita, Nestlé ha dimostrato di saper oltrepassare i propri confini geografici, non limitandosi ad esportare prodotti, ma sviluppando direttamente attività industriali in numerosi Paesi. Il Gruppo è oggi presente in oltre 86 Paesi, con oltre 333.000 dipendenti e una vendita quotidiana di oltre 1 miliardo di prodotti, pensati per il gusto e le esigenze locali.

Nestlè vi aspetta al +Gluten Free Expo Gfe! Per maggiori informazioni visitate il sito: www.nestle.it